S’ACCARA/SU SUSSIU

flyfreedean

Su Sussiu è una parete che si è originata da un’enorme frana, caduta dalla montagna nota con il nome S’Accara in tempi remoti, tacco che sovrasta la strada che da Ulassai porta al Santuario di Santa Barbara. Si distinguono due strutture, la parete gialla di S’Accara sulla sinistra, dove si trovano una decina di monotiri di arrampicata sportiva e una via lunga, e la Guglia di Su Sussiu a destra. Quest’ultima è salita da una via sportiva di più tiri e da alcune splendide fessure non attrezzate, su cui sono necessari i friend.

La parete è quasi sempre al sole, ideale per l’inverno e le mezze stagioni, nonostante la quota elevata di quasi 1000 metri. In estate la parete va in ombra verso le 16. Rimane riparata dalla pioggia ed è possibile scalare non piove troppo forte.

E’ possibile scalare anche sui primi tiri, se si fanno le extension portare una corda da 80m.

Accesso: Da Ulassai prendere la strada per Santa Barbara – Lequarci (non Lecorci!) e percorrerla per un paio di chilometri. Sulla destra noterete delle deviazioni, oltre a opere di Maria Lai intagliate nel cemento. Parcheggiare in corrispondenza della terza, una stradina sterrata che sale ripida (senza cancello) (Vedi foto 2) – Salire a piedi la stradina che entra nella proprietà privata del signor Mario Usai. Passare con discrezione: siate cordiali con chiunque doveste incontrare! Arrivati alla fine della strada passare una recinzione per animali sulla destra, contro gli alberi, senza scavalcarla o abbatterla. Proseguire in salita per un sentierino tra il cisto che dopo 10 minuti si innesta in una stradina sterrata. Seguirla verso sinistra, proseguendo sino a che a sinistra sotto la strada si intravede un gigantesco cubo di roccia. A destra si profila invece la pietraia creata da una enorme frana. Proseguire ancora sulla stradina ora in piano sino ad un cespuglio rosso con masso e ometto. Deviare a destra e dopo pochi metri si è su una vecchia mulattiera. Seguirla venti metri a destra (quindi a ritroso), quindi seguire gli ometti sulla pietraia che conducono alla base. (25 minuti dal parcheggio).

13094385_996892283697931_1180183553780577520_n

13082644_996892280364598_2190894352075187137_n

S’ACCARA

1 – MARIPOSAS, 20 m, (6c+) – FA M. Oviglia (2016)

2 – TACOS LOCOS, 37m, (6c+, 7c ext) – FA M. Oviglia (2016) – FFA M. Oviglia (2016)

3 – SHINY HAPPY, 37m, (7a+, 7c+ ext) – FA M. Oviglia (2016) – FFA 7a+: Joel Perry (2016) – FFA  7c+ R. Beckers (2016)

4 – PACHAMAMA, 40m (6b+, 7a ext) – FA M. Oviglia (2015) – FFA P. Contini (2015)

5 – INCANTOS, 25m, (7a+ hard) – FA M. Oviglia (2015) – FFA M. Oviglia (2016)

la via prosegue oltre la prima sosta per altri 4 tiri

6 – SHIFU, 15m,  (7a+) – FA M. Oviglia (2016) – FFA M. Oviglia (2016)

7 – MASTERCHEF, 15m,  (7b+) – FA M. Oviglia (2016) – FFA P. Contini (2016)

8 – FLY FREE DEAN, 15m, (7a+) – FA M. Oviglia/P. Contini (2015) – FFA M. Oviglia (2016)

9 – SEAN, 20m,  (7b+) – FA M. Oviglia (2016) – FFA Klaas Willems (2016)

10 – TIBBOLLUBBIRI, 15m,  (6c+) – FA M. Oviglia (2016) – FFA M. Oviglia (2016)

(FA = chiodatura    FFA = Prima salita in libera)

ultimo aggiornamento febbraio 2017

saccaratopo

ItalyEnglish